lunedì 27 marzo 2017

Victoria film recensione

Victoria film recensione
Victoria

Titolo originale: Victoria
Nazione: Germania
Anno: 2015
Genere: Drammatico, Thriller
Durata: 140'
Regia: Sebastian Schipper
Sito ufficiale: 

Cast: Laia Costa, Frederick Lau, Franz Rogowski, Burak Yigit, Max Mauff, André M. Hennicke, Anna Lena Klenke, Eike Schulz
Produzione: MonkeyBoy, Radical Media
Distribuzione: Movies Inspired
Data di uscita: Berlino 2015
23 Marzo 2017 (cinema)

Quando mi si dice “questo film è stato girato in un intero piano sequenza” la mia testa parte sempre con una serie di supposizioni che mi spingono a credere che il film sia aprioristicamente un po’ troppo “mattone autoriale” o “patinato hipster”, dopo aver visto “Victoria” invece sono rimasto particolarmente impressionato da tale tecnica dato che la mancanza completa di tagli di montaggio è, forse in questo caso, il modo narrativamente più adeguato a raccontare questa storia, quindi punto in più solo per questo agli autori che una volta tanto mettono la tecnica a servizio dell’arte. 

La storia è abbastanza semplice ma mutevole di registro, una ragazza vive a Berlino da poco e a “ fine serata” subito fuori da un club incontrerà un gruppetto di giovani berlinesi un po’ ubriachi un po’ scapestrati … da qui comincerà un’avventura tra le strade notturne per poco più di due ore. Come detto, il film non stagna, e riga dritto, parte da un’atmosfera quasi “coming of age/romance” fino ad avere una svolta decisamente thriller descrivendoci situazioni da un punto macchina secondo me unico e incredibile e che restituisce ottimamente la realtà di alcune situazioni. Essendo un film “one shot” le riprese sono state provate due volte prima di riuscirci alla terza, gli attori dovendo rispettare un copione di sole 12 pagine vanno praticamente d’improvvisazione e ci riescono benissimo soprattutto nelle scene più tese, iperrealistiche da un punto di vista emozionale. Tuttavia, vincolata da questo tipo di narrazione che aiuta la resa realistica della storia la pellicola tende ad essere forzata in alcuni accadimenti, secondo me problemucci trascurabili data la portanza della realizzazione. Ho trovato “Victoria” in alcuni punti di una potenza molto fresca, una forza cinematografica che mi ha regalato sensazioni inedite. Il plot forse è irrealistico, ma paradossalmente tutto quello che si vede è estremamente realistico. Per me un film da non perdere in ogni caso.
voto 9

8 commenti:

  1. Fresco, potente, emozionante, girato benissimo.
    Uno dei migliori dell'anno.

    RispondiElimina
  2. Devo recuperarlo!
    (Purtroppo dura un botto e il tempo, ultimamente, scarseggia.)

    RispondiElimina
  3. 140 minuti, ottimo per una domenica pomeriggio piovosa...

    RispondiElimina
  4. Lo vidi due anni all'uscita, in tedesco: una sorpresa incredibile. Sottoscrivo il 9, è una standing ovation!

    RispondiElimina
  5. Interessante... mi sembrava più una curiosità tecnica che altro, e invece ne parlate tutti così bene che dovrò recuperarlo presto!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

condividi